A.S.D. Rambla > Notizie

Luglio 2013

Serie C stagione 2013/2014

30/07/2013 00:56 (0 commenti)

Nonostante il termine per le iscrizioni al campionato di serie C 2013/2014 sia stato posticipato al 2 agosto, in questi giorni iniziano a trapelare le prime informazioni in merito alla prossima stagione sportiva.

La società Futsal Vigasio, che a fine stagione aveva conquistato la salvezza grazie alla vittoria nello spareggio playout, in una nota ufficiale del 26/07 ha comunicato che non presenterà l'iscrizione, ma che avrà luogo una fusione societaria con l'Audace, che ha presentato domanda di ripescaggio in serie C:

La dirigenza del Futsal Vigasio, in relazione a  quanto riportato da alcuni siti internet, conferma la mancata iscrizione della squadra femminile al campionato di calcio a 5 di serie C. L'esperienza maturata in questi anni comunque non e' pero' giunta al suo termine poiche' il dirigente Gabriele Pellegrini ed il nucleo storico delle giocatrici hanno deciso di confluire nel progetto dell'Audace sicuri che tale scelta contribuirà in maniera significativa al rafforzamento di un importante punto di riferimento per il calcio a 5 femminile veronese.

Non parteciperanno inoltre al prossimo campionato di serie C il S. Polo C5 (fusione societaria con il Gruppo Fassina, iscritta al prossimo campionato di serie D) e le neopromosse Sarcedo Vis Este. Si attende inoltre la risposta alla richiesta di ripescaggio in serie A della società Areasport.

Monte di Malo e Futsal Breganze hanno già confermato ufficialmente la propria iscrizione al campionato di serie C, così come la neopromossa NoventaOltre alla Rambla, le altre squadre che parteciperanno al prossimo campionato sono il Bassano C5 e le neopromosse Eagles Rosà, Polisportiva Grisignano, La Giovanile

 

fonti:

http://www.futsalyoung.com

audacec5.wordpress.com

 

Non solo futsal: Curtarock 2013

10/07/2013 22:06 (0 commenti)

 

Ogni anno nulla è dato per scontato.

Dal 2000 la consapevolezza è rimasta la stessa: offrire un palco a chi vuole far conoscere il proprio progetto artistico e alla 13a edizione rimane uno dei principi dell'evento. Le band proposte sono realtà nascenti o nomi già conosciuti di cui abbiamo potuto seguire lo sviluppo. ogni anno nuove situazioni, nuove persone, naturalmente nuova musica, ma soprattutto nuove date: nel 2009 ci spostiamo da giugno a luglio... quest'anno da mercoledi' 24 a domenica 28.

Appena entrati al festival, una casetta accogliente vi inviterà a degustare del buon vino accompagnandolo a una prelibata porchetta, mentre uno spazio di 200mq. Circa catturerà la vostra curiosità culturale.

Troverete libri nuovi e usati (con ottimi sconti), scambi di cd e vinili, brochure informative sul mondo del volontariato giovanile, esposizioni di giovani artisti e delle loro opere. Proseguendo verso il main stage, il gazebo delle birre artigianali e lo stand gastronomico giallo diverranno subito i vostri migliori amici. Poi grapperia, cocktails (15 nel listino) e 2nd stage dove "toccare con mano" (non esagerate) i musicisti che apriranno le serate dalle 22.00.

 

LINE UP

 

Mercoledì 24 luglio 

Universal Sex Arena: 

Rock and roll / Soul universale, uber storico, senza tempo e senza necessità di portare un vestito per definirsi. La lingua e il corpo teso sono strategie tattili per espandere il piacere, condividerlo e prolungarlo. Ascoltare soltanto, quindi, limita l'apprendimento di un luogo, meglio inspirare a pieni polmoni e baciare a lungo chi ci sta accanto. 

Elli De Mon: 

Elli de Mon onegirlband è chitarra resofonica, grancassa, sonagli, voce e ampli saturato.
L'anima folk dei Le-li, progetto con cui la vicentina ha girato nel recente passato Italia ed Europa, ritorna alle origini: l'amore per il rock n'roll e il blues. Attingendo a piene mani dalla tradizione sciamanica dei lontani incantatori Bessie Smith, Fred McDowell e Son House, Elli dà sfogo a quella parte di lei che già l'aveva portata, con la band degli Almandino Quite Deluxe, a dividere il palco con personaggi come Bob Log III, membri degli Oblivians, Ex Models, Motorama, the Hospitals..
Un blues nuovo, fatto di slide selvaggi e contaminato da influenze punk, che ritroviamo nel 7'' registrato all'Outside Inside Studio di Montebelluna (TV) da Nene Baratto (Movie Star Junkies) e all'Hot Farm Studio di Mussolente (VI) da Skatz. A queste registrazioni ha partecipato anche l'amico Phill Reynolds (Miss Chain and the Broken Heels) con il suo banjo.

evento Facebook: https://www.facebook.com/events/558504170878668/

 

Giovedì 25 luglio

Miss Chain & The Broken Heels :

I 4 alfieri del garage-pop italiano.
Si sono appena guadagnati le prime pagine del mensile "Rumore" di novembre, hanno alle spalle tre singoli a 45 giri sparsi tra il 2008 ed il 2009. Poi tour italiani, europei, americani, due, di cui uno conclusosi dopo una ventina di date spese sulla costa occidentale. Il bagagliaio pieno di esperienza l'avevano, si trattava di infilare nell'autoradio un disco lungo, puntualmente arrivato.  "On a Bittersweet Ride" rappresenta l'esordio sul formato 33 per il combo bergamasco/vicentino e, scusate la banalità, che esordio! Di suonar rock'n'roll son capaci tutti, soprattutto se di rock'n'roll minimale si tratta; poi, riuscire a divertire l'ascoltatore è una meta che in pochissimi raggiungono, e quei pochissimi dovrebbero essere evidenziati come meritano. Figuriamoci se si parla di Miss Chain & the Broken Heels poi, tra i pochissimi degni interpreti di un sottogenere musicale (il pop'n'roll), che in Italia non ha mai raccolto proseliti. Gruppi come questi, nella penisola, sono specie protette proprio perchè assolutamente demodè.

The Dancers:

"Turbo trio" Veneziano partito in quarta con una raffica di live in tutto il centro nord, pubblica a Luglio del 2011 l'omonimo EP d'esordio in formato 7″ per l'etichetta punk Green Records. Un prodotto molto a fuoco, mescolato di garage/punk in chiave moderna, viene supportato da decine di live dove i veneziani abbracciano la vecchia scuola del rock and roll, riportandoci un po' indietro nel tempo, quando sul palco una garage-band sudava anche l'anima.
Dopo una seconda stagione di live che li ha visti aprire ad artisti come Against me! Dum Dum Girls, Radio Moscow, The Soft Pack. È tempo per un'altra uscita in toccata e fuga, pubblicano "On the road" un EP autoprodotto e registrato interamente in analogico, limitato in sole 100 copie in occasione del Record store day 2012.
Le copie di "On the road" vengono esaurite in 48 ore dando subito un riscontro molto positivo dai vari blog e magazines. Definiti come "I cugini incazzati" dei Mojomatics, i tre veneziani continuano la loro attività live mentre preparano il loro prossimo lavoro, in uscita a Settembre: "The Box". 
Altro Ep che conferma le idee già chiare del trio, qui da buona tradizione nessun pezzo supera i tre minuti e il tutto èmiscelato ad hoc tra sonorità vintage e attuali, meno di dieci minuti dove emerge l'energiadel garage, la brevità dei Ramones e lo stile di un film poliziesco. In anteprima per XL di Repubblica a ferragostoesce il video del singolo omonimo appunto "The Box", sul canale Vimeo di XL ( Link ). The Box verrà supportato da una serie di date in Italia e all'estero, il loro debutto a Londra viene apprezzato dalla critica locale, tanto da far in modo di riportare il loro sound oltre la manica per un altro tour durante prossima estate.

evento Facebook: https://www.facebook.com/events/169779899867592/

 

Venerdì 26 luglio 

Jennifer Gentle:

I Jennifer Gentle sono forse una delle più bizzarre e improbabili rock bands italiane di sempre, tanto da divenire il primo gruppo tricolore ad essere messo sotto contratto dalla leggendaria etichetta americana Sub Pop (Nirvana, Soundgarden, Mudhoney e più recentemente Shins). Negli anni hanno collezionato una lunga quanto eterogenea lista di fans (comprendente nomi come Graham Coxon , Jarvis Cocker, Julian Cope, Mars Volta e membri di Architecture in Helsinki e Dandy Warhols) che li ha trasformati in una delle formazioni indie italiane più conosciute all'estero. Il nucleo originale del gruppo nasce alla fine del 1999 attorno alle figure dell'allora 19enne Marco Fasolo (cantante, chitarrista e autore di testi e musiche) e del batterista Alessio Gastaldello. Con un debole per il rock n roll anni 50, la visceralità garage punk dei 13th Floor Elevators e il pop psichedelico dei Pink Floyd, i JG (a questo punto rimpinguati dal chitarrista Isacco Maretto e dal bassista Nicola Crivellari) incidono e autoproducono il primo album I Am You Are nel 2001, bizzarra combinazione di sgangheratezze beefheartiane e luminoso pop barrettiano. Il secondo cd Funny Creatures Lane vede la luce l'anno successivo sempre sulla propria etichetta Sillyboy: a fronte del sostanziale disinteresse riscosso in patria, Funny Creatures Lane ottiene invece attenzione negli Stati Uniti e Inghilterra, paesi in cui la vena psichedelica e giocosamente inquietante della band è particolarmente apprezzata. Sempre nel 2002, i Jennifer Gentle registrano con il chitarrista giapponese Makoto Kawabata (Acid Mothers Temple) il live The Wrong Cage, poi ristampato da A Silent Place nel 2008. Nel 2003 entrambi gli album di studio vengono ripubblicati come doppio cd dalla label australiana Lexicon Devil – alla fine del 2004, in conseguenza dell'interesse suscitato da questa ristampa, i JG (ormai ridotti al duo Fasolo/ Gastaldello) firmano per Sub Pop. Il nuovo album Valende esce l'anno seguente, ottenendo ottime recensioni e preparando il terreno ad un primo lungo tour americano, che comprende anche concerti sold out a New York e Los Angeles. Alla fine del 2006, Alessio lascia la band e Marco (dopo aver registrato in perfetta solitudine l'enigmatico Midnight Room) recluta un nuova formazione comprendente Andrea Garbo alla chitarra,Francesco Candura al basso, Liviano Mos alle tastiere e Paolo Mongardi alla batteria. Nel 2007 i JG (dopo due brevi tournées in Cina) si imbarcano per un altro tour americano di un mese e mezzo a cui fanno seguito diverse puntate in Inghilterra, in conseguenza della grande attenzione suscitata in terra d'Albione da Midnight Room. Il brano Take my hand è infatti incluso sia in un cd allegato alla rivista MOJO che nella tradizionale compilation Rough Trade Shops che segnala le migliori uscite indie dell'anno e sempre per MOJO Fasolo registra una cover di Syd Barrett per un tributo al leader dei Pink Floyd in cui i JG appaiono a fianco di REM, Hawkwind e Marc Almond tra gli altri. Dopo la pubblicazione per il mercato inglese dell'EP Evanescent Land (maggio 2008), i JG (ora ridotti a Marco Fasolo e Liviano Mos, ai quali si aggiunge Stephen "Stuffy" Gilchrist, batterista di Graham Coxon) proseguono la loro tournèe in Europa, suonando in Germania, Francia, Inghilterra, Belgio, Svizzera, Olanda e partecipando all'importante festival europeo di Groningen Eurosonic. Con Fasolo impegnato nel suo lavoro di produttore (tra gli altri ha collaborato con C+C = Maxigross, Slumberwood, Mamuthones, Samuel Katarro e Father Murphy), la band ritorna a suonare con una certa regolarità a partire dal 2010 e questa volta con l'amichevole aiuto da Luca e Alberto Ferrari dei Verdena, impegnati rispettivamente alla batteria e al basso. Infine, ad aprile 2013 Fasolo lancia il progetto di studio Universal Daughters, con il quale pubblica l'album Why hast Thou forsaken me, raccolta di covers appartenenti alla tradizione anglo-americana e interpretate da un cast internazionale nel quale tra gli altri appaiono Jarvis Cocker, Chris Robinson dei Black Crowes, Alan Vega, Verdena, Mark Arm dei Mudhoney e Gavin Friday. L'album, stampato in Italia da Santeria (l'edizione europea con due brani in più vedrà la luce il prossimo settembre a cura di Rough Trade), rappresenta un ulteriore passo in avanti nella personale ricerca sonora di Fasolo e testimonia la sua padronanza di stili musicali distanti dalla tradizione italiana come il country, il gospel e il rhythm n' blues delle origini. Tutti i proventi della realizzazione saranno devoluti alla Città della Speranza, organizzazione da sempre attiva nella cura di bambini gravemente ammalati.


Melampus:

Melampo, primo essere umano dotato dagli dei di capacità divinatorie nonché guaritore, salvò due serpi che in segno di riconoscenza gli leccarono le orecchie e lo resero capace di comprendere il linguaggio degli animali. Da queste suggestioni parte il progetto Melampus, duo di stanza a Bologna nato nel settembre 2011 e già autore di un apprezzatissimo demo omonimo e autoprodotto alla fine dello scorso anno. La formazione vede l'artista visiva, pittrice, tatuatrice e bassista Francesca "Billy" Pizzo (a voce, chitarra, piano e percussioni) accompagnata dal fotografo e batterista dei Buzz Aldrin Angelo "Gelo" Casarrubia, qui alla batteria, droni e loop. Il disco è stato registrato presso gli studi del Locomotiv Club di Bologna da Giovanni "Vanni" Garoia ed Emanule "Nene" Baratto a maggio 2012. Quattro brani del disco sono stati prestati alla colonna sonora de "L'uomo doppio", film girato da Cosimo Terlizzi la cui uscita è prevista per ottobre 2012 per la casa di produzione Buena Onda.

evento Facebook: https://www.facebook.com/events/558445307552908/

 

Venerdì 27 luglio

Mombu Griot (enlarged version):

Mombu è un nuovo progetto di Luca T. Mai e Antonio Zitarelli rispettivamente sax negli ZU e Batteria nei Neo che dopo la collaborazione nel progetto udus decidono di ridurre all'osso l'organico per cimentarsi in un progetto che vuole trattare soluzioni musicali di matrice africana e mescolarle con la violenza sonora cara ad entrambe.
Il risultato è una musica grassa torrentuosa con ritmiche magiche-ipnotiche, barriti da rituale voodoo ed uscite di rigore africano (ostinati- unisoni) il tutto con una chiave di lettura prettamente dettata dall'esperienza musicale di entrambi.
Gli Ornaments nascono nel 2003 da un'idea di Simone Mambrini (Hangin' on a Thread), Davide Gherardi e Alessandro Zanotti (The Death of Anna Karina), Riccardo Bringhenti (Rue de Van Gogh, Ungar Trio, Workout Quintet), idea improntata alla sperimentazione in chiave strumentale ispirata dall'ascolto di band come Neurosis, Breach ed Isis.
Il primo demo del gruppo, risalente al 2004 (self-titled), viene diffuso in 800 copie ai concerti, generando una certa sensazione intorno alla band. Nel corso di un biennio di attività live gli Ornaments mettono a punto il loro particolare approccio instrumental, in bilico tra drone-metal, post e math-rock, e condividono il palco con band dal calibro di Converge, The Daughters, Playing Enemy e Red Sparrowes, facendosi apprezzare sia in Italia che all'estero.
Nel 2006 il progetto subisce una pausa di arresto che si prolunga fino al 2011, anno in cui gli Ornaments, forti dell'interesse mai sopito dei loro sostenitori, decidono di riformarsi.
Il 2013 è l'anno del loro ultimo disco: Pneumologic. Pulsa. Respira. Batte. Vive.
Il cuore e la vita, il soffio e il sangue. L'uomo, l'animale e infine, l'anima. Un viaggio antico come il mondo, esoterico, spirituale, filosofico e vivifico, un viaggio che parte dall'uomo e nell'uomo entra in una nuova dimensione. Sei anni di ricerca, di sperimentazioni in studio e dal vivo e poi il momento di "Pneumologic", che pone gli Ornaments al centro della scena "spiritual drone core" europea. Se il viaggio degli Earth e degli OM ha riguardato la spiritualità come elevazione verso il trascendente, se il percorso dei Sunn O)) ha esplorato gli abissi dell'animo umano e il lato oscuro della mente, gli Ornaments debuttano con un disco che è la summa teorica dell'essenza della vita.

Johnny Mox & The Moxters Of The Universe:

Il nuovo progetto di JOHNNY MOX (Nurse!Nurse!Nurse!, Fonda Sisters) utilizza esclusivamente la bocca e la pratica del looping per combattere i volumi e i ritmi vorticosi. Un castello di voci, pedali e beatbox accatastati con cura minuziosa l'uno dentro l'altro. Ne risulta una sorta di Gospel scheletrico trafitto dalla ruggine noise e riscaldato da innesti elettronici. Spirituals ossessivi per punks in cerca di redenzione, soul con le borchie, milioni di voci intrappolate nella gabbia toracica in grado di gonfiarsi e crescere e divorare cavi e amplificatori.

evento Facebook: https://www.facebook.com/events/271148489692286/

 

Sabato 28 luglio 

Eterea:

Eterea Post Bong Band è un gruppo musicale post rock elettronico italiano attivo da fine anni novanta.
In BIOS, loro ultima uscita discografica (Trovarobato, 2013), gli Eterea si sono tuffati nel mondo della matematica, intesa come possibile metodologia per risolvere il grande puzzle dell'universo: se la natura segue degli schemi, allora qual è il programma che muove l'uomo? Siamo davvero così diversi dalle macchine che costruiamo? E chi ha scritto il linguaggio di programmazione? Prodotto alla Hot Farm, fattoria ipertecnologica ai piedi del monte Grappa, questo è un album in cui melodie robotiche e chiassose si incastrano su strutture ritmiche dalla natura duplice: beat digitali e percussioni acustiche sono ormai fusi in un colorato monolite attorno a cui danzano chitarre taglienti e grosse linee di basso. L'elettronica, passata attraverso caldi macchinari vintage, si è ingigantita. Gli amplificatori analogici sono stati catturati con vari microfoni per sperimentare diverse combinazioni ambientali.

Nyu 

  • Non ho tempo per venire, stasera.
  • E così non ne avrai mai più. Figliolo, la musica dà il tempo, il presente lo misuri mentre suona, il futuro ancor non è ed il passato non lo misuri perché non vi è più nulla da misurare. Quindi vieni, goditela e via.
  • E come?
  • Batteria, basso, sintetizzatori, chitarra, voce, delay, ancora delay.
  • Non capisco, e come si sono incontrati?
  • ... elay, lay, ay, y.
  • Come dici?
  • Deve averli uniti il caso.
  • E chi sono?
  • Nyū
  • Perché non mi parli della loro storia?
  • Perché comincia questa sera

evento Facebook: https://www.facebook.com/events/491663070903872/

 

Per Info: http://www.curtarock.it/